• Fabiaagosto 26, 2016

    7 buoni motivi per vivere a Cremona

    Cremona è un comune italiano di circa 71.000 abitanti situato nella zona Sud della Lombardia. Se state pensando di trasferirvi, ecco 7 ottimi motivi per stabilirsi in questa città.

    1. Una cittá dolcissima

    Uno dei prodotti tipici di Cremona è il torrone, dolce tipicamente natalizio presente in tutte le vetrine delle migliori pasticcerie della città. Ogni anno a metà novembre qui si svolge la Festa del Torrone, che richiama migliaia di visitatori da tutta l’Italia.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-torrone

    2. Mercato immobiliare con prezzi in ribasso

    Secondo la sezione Tendenze di Nuroa, i prezzi per la vendita e l’affitto delle abitazioni a Cremona sono diminuiti negli ultimi sei mesi. Per quanto riguarda gli affitti si calcola invece un calo del 5.64% mentre il prezzo di vendita per metro quadrato è sceso del 3.92%.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-prezzi

    3. La città della musica

    Cremona è la città natale di Antonio Stradivari, forse il più abile e noto liutaio italiano di tutti i tempi. Proprio per questo motivo la città ospita un museo unico nel suo genere, il museo del Violino: qui sono esposti diversi strumenti, tra cui anche quelli costruiti da Stradivari, insieme ad allestimenti che raccontano le origini e la storia del violino. È possibile inoltre visitare la casa di Stradivari e le botteghe dei liutai che ancora oggi lavorano con il suo metodo.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-museo-violino

    L’arte dei maestri liutai è stata dichiarata Patrimonio Immateriale dell’umanità UNESCO, poiché viene tramandata di generazione in generazione come espressione di conoscenze e tradizioni che ancora oggi caratterizzano lo sviluppo e l’immagine della città.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-liutai

    4. Il leggendario Torrazzo

    Il Torrazzo di Cremona è uno dei simboli della città. È la torre campanaria del duomo e con i suoi 112 metri di altezza è considerato il terzo campanile in mattoni più alto del mondo. Salendo fino in cima si può godere di una vista incredibile su tutta la città.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-torrazzo

    5. Il Po, fulcro attivo della città

    Sulle rive del Po si possono organizzare escursioni o passeggiate, e sono presenti attività per tutte le età: crociere sul fiume, escursioni nel Parco delle ex Colonie Padane o nel Parco al Po, con sentieri ben tracciati e attrezzati per lo svago e il riposo. Per gli amanti della bicicletta sono inoltre presenti piste ciclabili vicine agli argini che danno la pssibilità di spostarsi facilmente e scoprire tutta la provincia.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-Po

    6. Una gastronomia tutta da gustare

    Oltre al torrone, anche la mostarda di Cremona è un prodotto tipico molto apprezzato, sia nella varietà dolce, sia in quella più piccante.Può servire come accompagnamento per il Gran Bollito Cremonese, caratterizzato da tagli pregiati di carne lessata, e per i formaggi locali come il Grana Padano, il Provolone Valpadana e il Salva Cremasco. I salumi più conosciuti sono invece il Salame Cremona Igp e il Cotechino Vaniglia.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-mostarda

    7. Una provincia da scoprire

    Per una gita fuori porta la confinante città di Crema offre un ricchissimo patrimonio storico-culturale: degni di nota sono il duomo in stile Longobardo-Gotico, il Museo Civico e l’imponente Palazzo Terni. Inoltre, anche le città murate di Pizzighettone e Soncino hanno un grande fascino e sono perfette per chi voglia passare un week end in tranquillità ma non troppo lontano dalla città.

    nuroa-motivi-vivere-a-cremona-soncino

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 25, 2016

    Idee per separare gli spazi della casa in modo facile ed economico

    In una casa spaziosa ci sono molti modi per delimitare gli spazi senza la necessità di pareti ma solo grazie a una diversa disposizione dei mobili. Nuroa ha cercato le migliori opzioni per separare gli spazi in casa in modo economico e semplice, secondo le varie stanze.

    Unisci salotto e ingresso

    Per un ingresso più ampio, se le pareti non sono portanti, potresti eliminare il corridoio e avere così un’entrata che da direttamente sulla zona giorno. Senza corridoio si potrà guadagnare una maggiore sensazione di ampiezza appena si entra dalla porta.

    nuroa-entrata-salone-senza-divisione

    Delimita lo spazio tra cucina e soggiorno

    Sempre a patto che le pareti portanti lo permettano, potresti creare uno spazio unico tra cucina e soggiorno usando il sofà per delimitare lo spazio, oppure un mobile che possa essere utilizzato da entrambi i lati, formato da cassette di legno. Se invece le pareti sono portanti, puoi optare per una grande porta a vetri. Così le due stanze resteranno unite a livello visivo, ma potranno essere separate in qualsiasi momento si voglia.

    nuroa-cucina-sala-spazio-cassette

    nuroa-cucina-sala-porta-a-vetri

    Stile retrò per la camera da letto

    Se hai una camera da letto spaziosa, puoi comprare o costruire con materiali riciclati un separè da posizionare vicino all’armadio, dividendo così la zona in cui dormi da quella in cui ti prepari e dando alla stanza uno stile retrò.

    nuroa-spazio-camera-da-letto-separè

    nuroa-stanza-da-letto-separè

    Un bagno per due

    Separa la zona del lavandino da quella del wc con una parete di cartongesso oppure con una porta scorrevole. In questo modo sarà più facile per due persone usare il bagno allo stesso tempo evitando attese.

    nuroa-spazio-del-bagno-separato

    © Pinterest

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 23, 2016

    Case container che ti faranno venire la voglia di averne una!

    L’architettura si evolve continuamente, si inventano nuove linee, nuove curve e i modi di progettare cambiano. Per costruire si utilizzano materiali diversi il cui uso tradizionale viene lasciato da parte per nuove creazioni. Uno di questi materiali innovativi è rappresentato proprio dai container, diventati di grande tendenza non solo per la costruzione di case ma anche per uffici, ristoranti e addirittura condomini interi. È una risorsa molto versatile e più economica dei materiali tradizionali, e da la possibilità di creare edifici spettacolari e innovativi. Nuroa ha cercato alcuni esempi molto interessanti.

    È un container oppure no?

    C’è chi potrebbe obiettare che una casa costruita con container potrebbe avere un brutto aspetto, a causa del materiale di cui è fatto il container stesso: questo può però essere colorato con una vernice specifica a base d’acqua, e rivestito all’interno come più si preferisce per dare alla casa l’aspetto che più ci piace.

    nuroa-casa-container-struttura

    nuroa-conteiner-per-struttura-casa

    nuroa-casa-container-vetro

    Casa di 2, 3 o 4 piani? Oppure di 12?

    Si, si può! Grazie alla loro struttura si possono impilare fino a 12 container, ma per costruire una casa questo numero sarebbe difficile da raggiungere. Ad ogni modo, esistono case a più piani costruite proprio con i container, poiché sono fatti con un materiale leggero e facile da trasportare.

    nuroa-casa-container-impilato

    nuroa-casa-container-impilato-studio

    nuroa-casa-container-condominio

    Modernità e tendenza

    Un edificio creato con i container ha uno stile moderno e innovativo e segue la tendenza architettonica degli ultimi tempi. Per questo molte volte le pareti dei container non vengono ricoperte all’esterno, ma vengono lasciate con il loro apetto naturale.

    nuroa-casa-container-finestra-grande

    nuroa-casa-container-decorazione-pareti

    nuroa-casa-container-decorazione-pareti-colorate

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 22, 2016

    Case dei film che esistono davvero

    Guardando film e serie televisive molto spesso può capitare di chiedersi se le case in cui vivono i protagonisti esistano davvero o siano solo scenari all’interno di un o studio di registrazione. In realtà, alcune sono reali! Nuroa ha cercato alune delle case più famose del cinema che sicuramente tutti ricorderanno.

    Sex and The City (1998-2004) – L’appartamento di Carrie Bradshaw

    Lla serie più seguita dal pubblico femminile è composta da sei stagioni (1998-2004) a cui si sono poi ispirati due film usciti nel 2008 e nel 2010. Il famosissimo edificio davanti al quale tante volte abbiamo visto Carrie Bradshaw si trova in Perry Street 66, nel quartiere di West Village, a New York.
    Solo la facciata dell’immobile veniva usata per le riprese, gli interni dell’appartamento di Carrie erano in realtà solo sceneggiature all’interno di studi di registrazione. L’immobile è stato venduto nel 2012 per 9,85 milioni di dollari.

    casa-di-carrie-sex-and-the-city

    Mamma ho perso l’aereo (1990) – A casa da solo contro i ladri

    Il film è uno dei più noti di tutti i tempi, la storia del bimbo di 8 anni che per errore resta da solo in casa mentre i genitori sono in vacanza. Da solo escogita piani geniali per difendersi da ladri senza scrupoli che vogliono derubare la casa. L’edificio si trova a Winnetka, nello stato dell’Illinois. Nel 2012 fu venduta per 1, 5 milioni di dollari. Nel 2015 il suo valore è stato stimato invece a 2,4 milioni di dollari.

    mamma-ho-perso-l'aereo-casa

    Una pazza giornata di vacanza (1986) – La casa di Cameron

    Un classico degli anni 80 in cui il personaggio principale, Ferris Buller (Matthew Broderick), decide di saltare un giorno di scuola per passare una giornata divertente con il miglior amico Cameron (Alan Ruck) che possiede una Ferrari, ma anche una casa tutta sua. L’immobile si trova in Highland Park, Illinois, ed è stato venduto nel 2014 per poco più di un milione di dollari. Un prezzo molto più basso rispetto a quello di partenza nel 2009, di 2,35 milioni di dollari.

    una-pazza-giornata-di-vacanza-casa-cameron

    Ritorno al futuro (1985) – La casa della famiglia McFly

    Impossibile non ricordarsi del film e della casa di uno dei protagonisti, Marty McFly (Michael J. Fox). Il film che parla di un viaggio nel 2015, è stato girato in una casa che ancora oggi esiste. Si trova a Los Angeles  ed è stata lo scenario di solo uno dei film della trilogia, si trova nel quartiere di  Arleta e può essere vista con Google Maps!

    ritorno-al-futuro-casa-mcfly

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 19, 2016

    5 buoni motivi per vivere a Brescia

    Considerata fra le cittá migliori in cui vivere in Italia, Brescia è un’incantevole localitá della Lombardia con tanto da offrire per chi già ci vive o ha intenzione di trasferirvisi.

    1. Patrimonio dell’UNESCO

    A Brescia sono presenti il complesso monastico San Salvatore – Santa Giulia e l’area archeologica del Capitolium, testimonianze della cultura romana e longobarda sul territorio italiano, riconosciuti Patrimonio dell’Umanitá UNESCO nel 2011.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-san-salvatore-santa-giulia

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-capitolium

    2. Cittá dei laghi

    Brescia si trova in una posizione ottimale, proprio tra i suggestivi Lago di Garda e Lago d’Iseo, circondata da eleganti paesi antichi che si affacciano sulle loro sponde: tra i più famosi risaltano Saló, Sirmione e Desenzano.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-sirmione

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-lago-d'iseo

    3. Prezzi più accessibili

    Secondo i dati della sezione Tendenze di Nuroa, negli ultimi sei mesi il costo dell’affitto di un’abitazione a Brescia ha registrato un calo del 7.1 % , risultando più economico rispetto per esempio agli affitti della vicina Bergamo.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-affitti

    4. Quartieri di movida

    Oltre a Piazza Arnaldo, tradizionale ritrovo serale dei cittadini bresciani, negli ultimi anni la zona del Carmine è diventata sempre più viva grazie alle numerose osterie, ai locali con musica dal vivo, e agli artisti di strada.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-movida

    5.  I casonséi e la gastronomia  tipica

    E’ molto difficile individuare una tradizione gastronomica tipicamente bresciana: la cucina nostrana è fortemente influenzata dalle province confinanti. Molto famosi sono i casonséi, un piatto di origine bergamasca: ravioli di mollica di pane ripieni di salsiccia e grana conditi con burro fuso, una delizia! Inoltre, un altro piatto imperdibile a Brescia è sicuramente rappresentato dalla polenta taragna, un mix di farina di mais e grano saraceno a cui vengono aggiunti diversi tipi di formaggio.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-casonsei

    nuroa-motivi-per-vivere-a-brescia-polenta-taragna

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 18, 2016

    Il centro commerciale più vecchio degli Stati Uniti viene trasformato in mini-appartamenti

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-facciata

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-1828

    Situato nello stato del Rhode Island, il Providence Arcade fu costruito circa due secoli fa, nel 1828, come primo importante centro commerciale della nazione.

    Un progetto per evitare la chiusura

    Poiché i fondi commerciali non venivano affittati, questo spazio era destinato alla chiusura. È stato salvato grazie al progetto realizzato da Northeast Collaborative Architects che ha modificato lo spazio interno costruendo una serie di mini-appartamenti a basso costo, che creano un ambiente unico. La spesa stimata per l’intero progetto è di 7 milioni di dollari.

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-progetto

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti

    L’essenziale per un affitto accessibile

    Gli appartamenti hanno una grandezza di circa 70mq e il canone d’affitto è di 550 dollari al mese, circa la metà di un affitto medio nella stessa zona. Tutti gli appartamenti sono provvisti di un bagno completamente accessoriato, una camera da letto con armadio e una zona giorno con un piccolo spazio cucina. L’unica cosa che manca è il fornello.

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-zona-giorno

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-bagno

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-cucina

    Un progetto con grande popolarità

    Nei loft del Providence Arcade adesso vivono studenti, giovani, e lavoratori così impegnati che non hanno bisogno di molto spazio perché non sono mai a casa. Quasi tutti i loft sono stati affittati appena messi sul mercato, e c’è addirittura una lista d’attesa.

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-popolarità

    Negozi e ristoranti, tutto ciò di cui si ha bisogno

    Gli inquilini possono vivere una vita tranquilla ma allo stesso tempo attiva grazie ai negozi e ristoranti situati al piano terra del centro commerciale. C’è inoltre una zona comune per tutti i residenti in cui passare serate in compagnia. Inoltre, il complesso residenziale è provvisto di una lavanderia e di un garage.

    nuroa-più-vecchio-centro-commerciale-mini-appartamenti-negozi-ristoranti

    Foto: Northeast Collaborative Architects

    Articolo ispirato a America’s Oldest Mall Is Saved By Trasforming It Into 48 Cozy Low-Cost Micro-Apartments

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 17, 2016

    Dai calore alla tua casa con il color corallo

    Da un po’ di tempo il color corallo è diventato molto di tendenza: è facile vederlo nelle decorazioni dei matrimoni, per I vestiti o gli accessori, e anche nei negozi di decorazione. Con l’estate e il bel tempo cresce la voglia di utilizzare colori vivi e toni più allegri. Nuroa ha pensato ad alcune combinazioni di questo colore con con toni pastello nelle diverse stanze della casa, per renderla accogliente e alla moda.

    Corallo, turchese e bianco per il bagno

    Due colori tenui che si sposano con il corallo, che invece è caldo e deciso. Anche il bagno ha bisogno di colore e calore!

    nuroa-corallo-turchese-bagno

    nuroa-corallo-bianco-bagno

    Corallo, grigio, turchese o verde per la camera da letto

    Un consigliato contrasto tra colori freddi e caldi. I colori freddi aiutano a rilassarsi e assicurano sonni tranquilli, mentre il color corallo da vivacità all’ambiente e personalizza una delle stanze più intime della casa.

    nuroa-corallo-bianco-turchese-camera-da-letto

    nuroa-corallo-turchese-camera-da-letto

    Corallo, grigio, bianco e nero per il soggiorno

    Il grigio e il nero sono due colori che stanno diventando molto di tendenza nelle nostre case. Molto spesso si preferisce dipingere solo una parete con questi colori lasciando il color corallo per gli accessori e gli oggetti di decorazione.

    nuroa-corallo-grigio-salotto

    nuroa-corallo-grigio-salotto

    Corallo e turchese per l’ingresso

    L’ingresso è la prima parte della casa che chi entra vede; un tocco di color corallo darà agli invitati una senzazione di calore che li farà sentire a casa. È un colore che in grandi quantità potrebbe stancare, è quindi meglio combinarlo con toni più neutri che possano staccare.

    nuroa-corallo-ingresso

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 16, 2016

    Abat-jour per dare stile alla camera da letto

    Nella camera da letto possono essere presenti molti dettagli puramente decorativi, ma alcuni elementi sono essenziali. Uno di questi è sicuramente l’abat-jour, indispensabile quando si vuol leggere un po’ prima di dormire o si vuol dare alla stanza un’atmosfera più tenue e rilassata. Tenendo conto dell’arredamento e della funzione che vorremmo dargli, ecco alcune idee per scegliere le abat-jour perfette per la vostra camera da letto.

    Lampada con stelo flessibile

    L’abat-jour con lo stelo flessibile è uno dei modelli più pratici. Appese al muro come punto di luce vicino al letto o posizionate sul comodino, potranno sempre essere adattate secono l’illuminazione che si desidera.

    lampada-stelo-flessibile-nuroa-camera-da-letto

    lampada-stelo-flessibile-camera-da-letto

    Appliques per avere piu spazio sul comodino

    Se si preferiscono le appliques, si può dare un tocco originale alla propria stanza posizionandole proprio sopra la testata del letto invece che ai lati; la luce arriverà così più diretta.

    lampada-applique-camera-da-letto

    lampada-applique-camera-da-lett-nuroa

    Cavi lunghi e lampade “sospese”

    Una delle tendenze più diffuse ultimamente è quella di usare cavi lunghi per appendere lampade o abat-jour. Questa idea è sia una scelta decorativa, sia un modo utile per poter collocare il punto luce dove più si ha bisogno soprattutto se non si dispone di un comodino.

    lampada-sospesa-camera-da-letto-nuroa

    lampada-sospesa-camera-da-lett-nuroa

    Abat-jour da comodino, un classico

    Se preferiamo la classica abat-jour da collocare sul comodino continuando peró a seguire le ultime tendenze, possiamo farlo per esempio usando materiali come il marmo o i toni dorati.

    lampada-oro-camera-da-lett-nuroa

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 12, 2016

    Come sono oggi le infrastrutture olimpiche del passato?

    Quest’anno a Rio de Janeiro si svolge la ventottesima edizione dei Giochi Olimpici estivi. La prima edizione in assoluto si svolse in Grecia nel 1896 e da quel momento l’evento si è tenuto in 19 paesi diversi. Ma cosa succede a quegli enormi padiglioni che in passato hanno ospitato i Giochi Olimpici? Purtroppo molti di essi non trovano un secondo utilizzo e restano abbandonati. Da Pechino a Berlino, da Atene ad Atlanta, ecco alcune foto che testimoniano le condizioni attuali delle strutture olimpiche del passato.

    Berlino, Giochi Olimpici estivi 1936

    Del villaggio olimpico di Berlino restano ormai solo un edificio deserto e una piscina per gli allenamenti vuota. Questo luogo che ospitò circa 4000 atleti durante le Olimpiadi, fu convertito in una caserma per i militari durante il periodo nazista.

    Olimpiadi-Berlino-1936-piscina-abbandonata

    © Peter Bromley

    Olimpiadi-Berlino-1936-edificio-abbandonato

    © Martin Sachse/Getty Images

     

    Cortina D’Ampezzo, Giochi Olimpici invernali 1956

    Ecco ciò che resta di un trampolino per il salto con gli sci delle Olimpiadi invernali di Cortina D’Ampezzo.

    olimpiadi-1956-cortina-scivolo-sci-abbandonato

    © Fabio Gregoroni

     

    Grenoble, Giochi Olimpici invernali 1968

    Un altro trampolino per il salto con gli sci abbandonato e invaso dalla vegetazione a Grenoble.

    olimpiadi-1968-grenoble-sci-abbandonato

    © Maxime B

     

    Sarajevo, Giochi Olimpici invernali 1984

    Sul Monte Trebevic si trova un circuito per il bob abbandonato, alcune parti sono ancora accessibili e per i bikers sono una pista perfetta. La maggior parte delle strutture olimpiche della capitale bosniaca sono ridotte in macerie.

    olimpiadi-1984-circuito-bob-abbandonato

    olimpiadi-1984-circuito-bob-abbandonato

    © Dado Ruvic

     

    Atene, Giochi Olimpici estivi 2004

    Una piscina per allenamenti, la piscina principale per le gare, un percorso per canoa e kayak abbandonati nel luogo in cui in passato si svolsero le Olimpiadi di Atene.

    olimpiadi-Atene-2004-circuito-canoa-abbandonato

    © Milos Bicanski

    olimpiadi-Atene-2004-circuito-canoa-abbandonato

    ©Kyodo News/ Newscom

    olimpiadi-Atene-2004-circuito-canoa-abbandonato

    © Thanassis Stravakis/AP

     

    Pechino, Giochi Olimpici estivi 2008

    Il campo da beach volley per i giochi di Pechino 2008 oggi è deserto e abbandonato nel centro della città.

    olimpiadi-Pechino-2008-campo-da-volley-abbandonato

    ©David Gray/ Reuters

     

    Articolo ispirato a Abandoned Olympic Venues From Around The Worl or Why Is The Biggest Waste Of Money Ever

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiaagosto 11, 2016

    La chiesa di Londra con piscina e sauna

    Nell’esclusivo complesso abitativo di Repton Park, nel municipio londinese di Redbrige, la vecchia chiesa in mattoni rossi è stata convertita in una palestra dove le panche per i fedeli hanno lasciato il posto a una piscina di 24 metri.

    nuroa-palestra-chiesa-piscina

    nuroa-palestra-chiesa-piscina-repton-park

    A Repton Park gli edifici in stile gotico vittoriano sono stati restaurati per dare vita a nuove abitazioni. Proprio in questo luogo la nota azienda Virgin Active ha deciso di acquistare la chiesa ormai in disuso per convertirla in palestra.

    In passato la chiesa era appartenuta ad un ospedale psichiatrico, ormai chiuso da tempo. Alcuni dei residenti di Repton Park credono però che le anime dei vecchi pazienti dell’epoca vittoriana si aggirino ancora nelle sue sale.

    nuroa-palestra-chiesa-piscina-repton-park-esterno

    La zona dell’altare è stata convertita in una doccia con pareti di vetro elaborato e vicino ad essa è stata installata una jacuzzi; il confessionale è diventato invece una sauna.

    nuroa-chiuesa-palestra-sauna

    Sono presenti inoltre una sala per le macchine e qualsiasi tipo di attrezzo per gli esercizi fisici. Non può mancare la zona relax con un bar per riprendere le energie dopo tanto esercizio.

    nuroa-chiuesa-palestra-sala-attrezzi

    © Veronica Otero

    Articolo ispirato a The London Church That’s A Swimming Pool (Londonist)

    Save

    Save

    Save

    Save