• Fabiasettembre 22, 2016

    5 idee per preparare la tua casa all’autunno

    L’autunno è arrivato ed è il momento di cambiare la decorazione estiva della nostra casa con una che si addica di più alla nuova stagione. Nuroa ha pensato a 5 idee di decorazione in perfetto stile autunnale.

    1. Scegli colori autunnali

    Sostituisci i brillanti colori estivi con i colori tipici dell’autunno come il rosso, l’ocra, il marrone cioccolato o il viola scuro. Queste tonalità creeranno un’atmosfera familiare ed accogliente in ogni stanza.

    nuroa-decorazione-autunno-soggiorno

    2. Cambia cuscini e tende

    Cambiando i cuscini e le coperte, che sia in camera da letto o nel soggiorno, cambierà completamente anche l’atmosfera dell’intera casa: scegli toni come il beige o il dorato al posto dei più comuni rosso e arancione, usatissimi in autunno. Per quanto riguarda le tende invece, non pensare solo al colore ma anche al tessuto: prova il velluto, il cotone pesante o altri tessuti più spessi che diano un maggiore sensazione di calore e protezione.

    nuroa-decorzione-autunno-cuscini-tende

    3. Autunno ed eleganza per la camera da letto

    Cambia le lenzuola estive di cotone con un tessuto più caldo e confortevole come ad esempio la flanella. È il momento di lasciare da parte il copriletto estivo per usare un piumone morbido e caldo, aggiungendo una coperta in pelliccia ecologica al fondo del letto che oltre a dare maggiore calore, aggiunge un tocco di eleganza alla stanza.

    nuroa-decorazione-autunno-camera-da-letto

    4. Scegli le luci soffuse

    Con l’autunno le giornate diventano più corte e si tende a passare più tempo in casa. Usa abat-jour e luci soffuse per dare alla casa un senso di tranquillità e intimità in cui poter riposare dopo una lunga (e ormai non più calda!) giornata. Anche le candele, posizionate su candelabri e portacandele vintage, rendono l’atmosfera più accogliente.

    nuroa-decorazione-autunno-candele

    5. Non dimenticare i piccoli dettagli

    A volte le idee di decorazione più semplici sono le migliori. Disponi della frutta fresca di stagione in una bella ciotola dai colori autunnali e posizionala sul tavolo della cucina, o della sala da pranzo. Un altro elemento di decorazione sono le foglie cadute: disposte in vasi di vetro, con i loro colori richiameranno i toni autunnali della casa. Scegli composizioni di fiori secchi oppure fiori freschi autunnali (come gerani o crisantemi) che diano alla casa la luminosità che manca fuori.

    nuroa-decorazioni-autunno-fiori

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 22, 2016

    Privet Drive n. 4: la casa di Harry Potter è in vendita!

    nuroa-privet-drive-in vendita-harry-potter

    Tutti gli amanti del famoso maghetto conoscono a memoria questo indirizzo: è la casa in cui Harry Potter ha passato la sua infanzia, nella cameretta ricavata dal ripostiglio del sottoscala. L’indirizzo è però di pura fantasia: infatti, la casa utilizzata per le riprese dell’omonimo film si trova al numero 12 di Picket Post Close, a 40 km da Londra.nuroa-privet-drive-in vendita-harry-potter-ripostiglio

    Dal 2011, anno in cui cominciarono le riprese, il valore della casa è cresciuto sempre di più, arrivando all’odierno prezzo di vendita di 550.000 euro, secondo quanto informa il quotidiano britannico Daily Mail.

    La casa si può visitare ed è diventata ormai da molti anni un luogo di pellegrinaggio per i fan della nota saga. Recentemente ristrutturata, è molto spaziosa e dispone di tre camere da letto, una cucina e un ampio giardino posteriore.

    La proprietà si trova nella contea del Berkshire, conosciuta anche per la presenza del Castello di Windsor e di abitazioni appartenenti a personaggi britannici di rilievo come il Primo Ministro Theresa May.
    Nel 2003 la casa fu venduta per 289.00 euro, ma con il passare degli anni, in cui l’amore dei fan per Harry Potter e le sue avventure non ha smesso di crescere, il valore della casa è duplicato.

    Articolo ispirato a: Harry Potter and the sale of the half-a-million pound house: Iconic ‘Privet Drive’ on the market in suburban Berkshire complete with cupboard under stairs for one magical boy.

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 21, 2016

    Gli studenti Erasmus incentivano il mercato immobiliare italiano

    nuroa-erasmus-immobiliare-copertina

    Ogni anno in questo periodo migliaia di studenti stranieri che partecipano al programma Erasmus+ arrivano in Italia per intraprendere un’esperienza formativa. Secondo le statistiche della Commissione Europea, nel 2014 gli studenti accolti erano circa 20.000, posizionando il belpaese al quinto posto dopo Spagna, Germania, Francia e Regno Unito per studenti erasmus in arrivo. Secondo la classifica della Commisione Europea, i cinque poli universitari italiani che ricevono più studenti erasmus sono l’Alma Mater Studiorum di Bologna, La Sapienza di Roma, L’Università degli Studi di Firenze, il Politecnico di Milano e l’ Università degli Studi di Padova.

    La ricerca di un alloggio

     

    Nonostante gli studenti erasmus cerchino spesso un alloggio con prezzi accessibili, sono comunque disposti a pagare un prezzo più alto per vivere nel centro della città, poiché essendo il loro soggiorno solo di pochi mesi, preferiscono non dover perdere tempo per lunghi spostamenti. Inoltre, la maggioranza degli studenti cerca una stanza in un appartamento condiviso per ridurre le spese e allo stesso tempo conoscere nuove persone. Considerando che il periodo erasmus va da un minimo di 6 ad un massimo di 9 mesi (un anno accademico), e che gli studenti tendono a vincere borse per il periodo più lungo, il guadagno per il mercato immobiliare italiano non può che aumentare durante l’anno accademico.

    Quanto giova l’erasmus al mercato immobiliare italiano? Alcuni dati.

     

    Bologna

    Bologna è la prima città italiana per studenti erasmus ricevuti, e sede della prima università della storia. L’università si trova proprio nel centro della città, per questo motivo la maggior domanda per stanze in affitto si concentra proprio in questa zona, poiché tutto ciò di cui si ha bisogno si trova nelle vicinanze. Sempre in zona centralissima si trovano il rione Mazzini e i quartieri Massarenti-Sant’Orsola- Megoli, altrettanto ricercati per la loro posizione ottimale e per la presenza delle maggiori attività commerciali.

    nuroa-erasmus-immobiliare-bologna

    Secondo i dati di Nuroa, uno studente erasmus spende in media 402 euro al mese per una stanza singola a Bologna. Considerando quindi che gli studenti erasmus ospitati dalla città nel 2014 erano 1678, il mercato immobiliare della capitale emiliana ha visto un guadagno durante l’intero anno accademico di 9 milioni di euro.

    Roma

    Al secondo posto troviamo Roma, il cui polo universitario “La Sapienza” ha accolto nel 2014 circa 1.030 studenti erasmus. La sede dell’università si trova proprio nel cuore della città, nel quartiere San Lorenzo-Termini. Purtroppo in questo quartiere, proprio per la vicinanza con la città universitaria, i prezzi per gli affitti sono medio alti, e spesso gli studenti preferiscono insediarsi nella vicina zona Tiburtino-Pietralata, dove i prezzi sono più accessibili e l’università resta comunque vicina.

    nuroa-erasmus-immobiliare-roma.jpg

    Nella capitale italiana la spesa media per l’affitto di una stanza è di 437 euro al mese, che secondo le stime di Nuroa risultano in 4 milioni di euro guadagnati per il mercato immobiliare romano alla fine  dell’anno accademico.

    Firenze

    La vita universitaria di Firenze ruota soprattutto intorno a tre aree della città in cui sono ubicate le varie facoltà fiorentine: il centro e i quartieri di Novoli e Morgagni. Tra le tre zone è Novoli quella in cui negli ultimi anni sono cresciute sia la domanda sia l’offerta di alloggi per studenti.

    nuroa-erasmus-immobiliare-firenze

    Secondo le indagini di Nuroa la spesa mensile per una stanza singola a Firenze è di circa 418 euro, che ha portato ad un guadagno totale di più di 3 milioni di euro nel 2014, con l’arrivo di 863 studenti erasmus.

    Milano

    Il Politecnico di Milano nel 2014 ha ospitato 826 studenti erasmus. Milano è la città con gli affitti più cari d’Italia, per questo gli studenti che vengono accolti dal Politecnico preferiscono la zona di Città Studi, in cui esso si trova. Si tratta di una delle zone più popolari della città, dove i prezzi degli affitti sono ancora relativamente contenuti, la disponibilità di case ed appartamenti è abbastanza elevata e sono presenti buoni collegamenti con le linee di trasporto urbano. È considerata una delle zone d’elezione per gli studenti fuorisede che si trovano a soggiornare a Milano.

    nuroa-erasmus-immobiliare-milano

    Secondo i dati di Nuroa Milano, dove la spesa media per una stanza è di 510 al mese, nel 2014 ha visto entrate nel mercato degli affitti per quasi 4 milioni di euro (3.789.000).

    Padova

    Chiude la classifica l’Università degli Studi di Padova, che nel 2014 ha ospitato 693 studenti erasmus. Questa città, dove le stanze singole hanno un canone mensile più moderato rispetto alle prime 4 in classifica (285 euro in media), grazie agli studenti erasmus ha visto un guadagno nel 2014 di 1.700.000 euro. Essendo una città di dimensioni ridotte, con l’Ateneo universitario ubicato proprio nel centro della città, non ci sono quartieri con prezzi più proibitivi di altri o che gli studenti preferiscano in particolar modo, poiché tutto è vicino.

    nuroa-erasmus-immobiliare-padova

    © Pixabay

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 19, 2016

    Stai rinnovando il bagno? Alcuni suggerimenti da non perdere

    Il bagno non è più uno spazio in cui passare il minor tempo possibile, ma si è convertito in un luogo unico in cui dedicarsi a se stessi e rilassarsi. Per questo, al momento di rinnovare questa parte della casa è essenziale avere ben chiare le proprie necessità e i propri gusti. Nuroa ha pensato ad alcuni suggerimenti per avere un bagno funzionale e allo stesso tempo armonioso.

    Distribuzione degli elementi

    Il lavabo dev’essere l’elemento più in vista poiché è il mobile più decorativo e con la migliore estetica. Ciò che invece dovrebbe essere nascosto è il wc, che dovrebbe trovarsi il più lontano possibile dalla porta o addirittura separato dal resto del bagno con una parete.

    nuroa-suggerimenti-bagno-disposizionenuroa-suggerimenti-bagno-wc

    Vasca o doccia?

    Nei bagni molto spaziosi si possono addirittura trovare entrambe. Se però questo non è il tuo caso e devi scegliere tra le due, il consiglio è di optare per quella di cui fai maggiore uso, senza pensare all’estetica. Se si vive soli o in coppia la doccia può essere più pratica e veloce, mentre per le famiglie con bambini la vasca può essere decisamente più pratica oltre che necessaria. Se si preferisce che il bagno sia un’oasi per il relax, la vasca è l’elemento chiave che può diventare il punto focale e decorativo di qualsiasi bagno.

    nuroa-suggerimenti-bagno-vasca

    nuroa-suggerimenti-bagno-doccia

    Materiali e rivestimenti

    I rivestimenti per il bagno devono essere scelti secondo i gusti personali, che siano piastrelle, ceramica o pvc. Il consiglio però è di non rivestire le pareti fino al soffitto (esclusa ovviamente la zona della doccia): otterrai un migliore effetto estetico rivestendo le pareti fino a circa 1,10 m di altezza e usando della pittura per lo spazio rimasto fino al soffitto. Se preferisci il legno, è molto importante accertarsi che questo sia appositamente trattato e resistente ad acqua e umidità.

    nuroa-suggerimenti-bagno-rivestimento2

    nuroa-suggerimenti-bagno-rivestimento

    nuroa-suggerimenti-bagno-legno

    Illuminazione

    Il bagno è una delle stanze in cui l’illuminazione dev’essere molto buona: evita ombre davanti allo specchio usando lampade appese ad entrambi i lati o un punto luce dietro lo specchio stesso. Evita che ci siano zone oscure nella stanza usando faretti o lampade.

    nuroa-suggerimenti-bagno-luce

    nuroa-suggerimenti-bagno-luci

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 16, 2016

    4 buoni motivi per vivere a Rimini

    Rimini è una delle città balneari per eccellenza della costa adriatica, ma questo non è il suo unico punto di forza. La città infatti non è interessante solo d’estate ma tutto l’anno. Ti trasferisci a Rimini? Con Nuroa potrai trovare la casa perfetta per te. E mentre cerchi, ecco alcuni buoni motivi per amare la città da subito.

    1. Cultura e profonde radici storiche

    Rimini è una città di origine romana che nacque con il nome di Arminium. Di questa civiltà sono rimaste opere importanti come il Ponte di Tiberio, che mostra ancora oggi tutta la propria bellezza con le cinque arcate in pietra d’Istria. È inoltre presente nel centro storico un Anfiteatro romano costruito nel II secolo d.C. Il Tempio Malatestiano di Leon Battista Alberti e un altro simbolo di Rimini e testimonianza di un altro periodo di grande splendore della città, che dal 1295 divenne Signoria sotto Malatesta da Verucchio.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-rimini-ponte

    nuroa-motivi-per-vivere-a-rimini-anfiteatro

    2. Un mare da apprezzare d’estate e d’inverno

    In estate le spiagge riminesi si popolano di turisti e vacanzieri e la città si anima offrendo le più svariate attivitá. Ma anche durante le altre stagioni dell’anno il mare conserva il proprio fascino: una passeggiata al porto a primavera quando la città si prepara all’arrivo della stagione estiva può essere incantevole. Il mare d’inverno che minaccia tempesta, con le sue onde alte e arrabbiate può spesso essere più affascinante e ispirante di quello estivo.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-rimini-mare

    3. L’imperdibile piadina

    La Romagna è la patria della famosissima piadina, che può essere farcita con prosciutto, stracchino e rucola, e in moltissimi altri modi. Da non dimenticare i vini tipici della regione, come il rosso Sangiovese, o il Cagnina e l’ Albana di Romagna, due vini dolci. Una variante della tradizionale piadina è il crescione, una sorta di calzone preparato con l’impasto tipico della piadina: il suo ripieno ideale è con salsiccia e pomodoro o funghi e patate, ma anche in questo caso ci sono molte varianti.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-rimini-piadina

    4. Collegamenti e trasporti

    Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, la rete degli autobus permette di spostarsi comodamente dentro la città ma anche nell’entroterra; in tutta la provincia inoltre è presente un’estesa rete ferroviaria che la collega facilmente con tutto il resto d’italia. L’aeroporto prevede scali nazionali e internazionali. Grazie alla sua posizione, da Rimini è molto facile raggiungere paesi e borghi suggestivi della provincia come ad esempio Santarcangelo di Romagna.

    nuroa-motivi-per-vivere-a-rimini-santarcangelo

    © Pinterest, Pixabay

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 15, 2016

    Soggiorno di piccole dimensioni? Sfrutta lo spazio al meglio

    Non è sempre facile organizzare ed arredare un soggiorno di piccole dimensioni quando si cerca di ottenere una sensazione di maggiore ampiezza. Nuroa ha pensato ad alcune semplici idee di decorazione e arredamento per ottenere più spazio nel tuo soggiorno.

    Sfrutta le pareti alte

    Anche se il tuo soggiorno è stretto e lo spazio non è abbondante, non devi rinunciare ad avere un salotto curato e ben arredato. Sfrutta la profondità della stanza scegliendo un divano angolare, e la sua altezza appendendo dettagli decorativi alle pareti come quadri, foto o un lampadario elaborato.

    nuroa-salotto-piccole-dimensioni-pareti

    Arreda in verticale

    Se il soggiorno è molto piccolo e non c’è spazio per mobili come armadi o cassettoni, la soluzione migliore è quella di sfruttare lo spazio in verticale: le mensole in questo caso possono risultare molto utili per riporre gli oggetti in modo pratico e funzionale. Si possono appendere anche negli angoli della stanza, i quali spesso non vengono sfruttati ma possono in questo caso offrire molto spazio.

    nuroa-salotto-piccole-dimensioni-mensole.jpg

    Scegli colori che riflettono la luce

    Il soggiorno è una zona di relax ma può essere allo stesso tempo elegante. Il turchese e il bianco sono due colori che oltre a riflettere la luce daranno eleganza e stile al tuo salotto. Scegli un sofà angolare, un piccolo tavolino da caffè e un pouf per avere più spazio di seduta. Puoi aggiungere un tappeto come tocco finale sempre sugli stessi toni.

    nuroa-salotto-piccole-dimensioni-bianco-turchese

    Crea un’illusione ottica

    In uno spazio piccolo ciò che non può mancare sono i giochi di prospettiva al fine di dare maggior ampiezza. Un tappeto a righe per esempio può creare un’illusione ottica di profondità, il sofà vicino alla finestra invece fa sì che chi si siede riceva la luce direttamente, scegli inoltre piccoli tavolini da caffè di forma rotonda poiché l’assenza di spigoli crea una sensazione di maggiore spazio.

    nuroa-salotto-piccole-dimensioni-prospettiva

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 14, 2016

    8 errori di cui potresti pentirti dopo l’acquisto di un appartamento

    nuroa-8-errori-di-cui-puoi-pentirti

    Quando si decide di comprare un appartamento si devono prendere alcune precauzioni per essere sicuri di fare la scelta giusta. Ecco una lista di 8 errori da evitare per non rischiare di sbagliare durante l’acquisto.

    1. Non consultare la Conservatoria dei Registri Immobilari e il Catasto. È sempre meglio accertarsi che la situazione legale dell’abitazione sia conforme alle normative e che appartenga realmente a chi la vende.

    2. Non leggere il regolamento di condominio. Ogni condominio ha un proprio regolamento che si differenzia dagli altri. È quindi meglio informarsi in anticipo piuttosto che dover rispettare regole che non si condividono quando ormai sarà troppo tardi.

    3. Non visitare il quartiere di notte. Se il quartiere di giorno può sembrare tranquillo, è meglio accertarsi che lo sia anche di notte per non avere sgradevoli sorprese ad acquisto ormai avvenuto.

    4. Elogiare le qualità dell’appartamento. Qualsiasi esperto di compravendita potrebbe suggerire di non lodare l’appartamento che vuoi comprare: se per te è perfetto, il venditore non avrà alcun motivo per farti uno sconto sul prezzo di vendita.

    5. Non verificare l’esposizione al sole. Se visiti un appartamento di sera o durante una giornata nuvolosa, rischi di non capire quanto sia luminoso l’appartamento. L’esposizione al sole è molto importante poiché un appartmento poco esposto sarà più freddo e comporterà una spesa maggiore per il riscaldamento nei mesi invernali.

    6. Non informarsi con i condomini. Nessuno più di chi vive nel condominio conosce la situazione dell’immobile; i condomini potranno informarti riguardo al regolamento e ad eventuali vicini poco desiderabili.

    7. Non verificare la copertura di rete. Non tutti gli operatori telefonici assicurano una buona copertura di rete in tutte le zone di una città. È quindi meglio controllare prima dell’acquisto, per evitare in seguito di dover cambiare operatore telefonico.

    8. Innamorarti dell’appartamento. Se ciò accade finirai per non vedere quei piccoli difetti che potrebbero spingerti a negoziare sul costo dell’ppartamento, finendo così per pagare un prezzo molto più alto. Inutile dire che in questo caso commetterai inevitabilmente tutti gli errori appena citati.

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 13, 2016

    5 suggerimenti per una casa in stile rustico

    Nelle case in stile rustico si cerca di creare ambienti freschi, accoglienti e luminosi. Se da sempre sogni di avere una casa in stile rustico ma non sai da dove cominciare, non perdere i consigli di Nuroa per un arredamento assolutamente di tendenza.

    Pergolato di legno con canniccio

    Per le sere d’estate o i giorni in cui il sole splende, una pergola in legno con il tetto di canniccio è l’ideale per rilassarsi e stare all’aria aperta. Con una combinazione di mobili bianchi o in legno, tappeti e volendo lanterne di carta si otterrà un’atmosfera perfetta anche durante la sera.

    nuroa-casa-rustica-pergolato

    Luce naturale e pareti bianche

    Il bianco è il colore predominante nelle case in stile rustico poiché da l’impressione che gli spazi siano più luminosi e ampli. Per gli elementi di decorazione invece sono consigliati oggetti dai colori più accesi per dare vivacità e movimento. Inoltre, è importante far entrare la luce naturale in tutta la casa usando tende molto fini e di colore chiaro che facciano passare la luce.

    nuroa-casa-stile-rustico-luce

    Tavolo in legno per la sala da pranzo

    Il tavolo dovrebbe essere posizionato vicino alle fonti di luce naturale: scegline uno in legno che si adatti allo stile rustico con sedie dai tessuti di colori accesi. I mobili per una casa in stile rustico sono molto facili da trovare ai mercatini dell’antiquariato e spesso non hanno bisogno di essere restaurati.

    nuroa-casa-rustica-tavolo-di-legno

    Sofà in tela per il soggiorno

    Anche nel soggiorno i colori chiari e i mobili di legno sono elementi fondamentali a cui abbinare dettagli decorativi che siano in linea con lo stile scelto. Scegli un sofà in tela sfoderabile di colore chiaro che si possa intonare con l’ambiente, usa cuscini con colori vivaci o a stampe colorate per creare contrasto e dare vivacità alla stanza.

    nuroa-casa-rustica-soggiorno

    Bagno provenzale ed effetto invecchiato

    Lo stile provenzale è quello che più si addice al bagno: per il lavandino scegli un mobile di legno dai gambi rotondi con effetto invecchiato da abbinare a uno specchio che abbia lo stesso stile. Anche in questa stanza i colori chiari dovranno avere la prevalenza.

    nuroa-rustico-bagno-provenzale

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 12, 2016

    Poco spazio nella stanza dei bambini? Alcune idee per sfruttarlo al meglio

    La famiglia cresce mentre lo spazio resta sempre lo stesso? Nuroa ha pensato ad alcune idee semplici per organizzare la stanza dei bambini rendendola funzionale e sfruttando al meglio gli spazi liberi.

    .nuroa-poco-spazio-stanza-bambini-letto

    Pensa a cos’è realmente necessario

    Il problema principale consiste in come organizzare lo spazio fisico a disposizione. Il suggerimento è di prendere le misure in anticipo per vedere come si possa strutturare la stanza e pensare a quali mobili siano strettamente necessari. Il letto a castello è una delle soluzioni più valide poiché occupa spazio solo in altezza e di solito è molto apprezzato dai bambini. Per non perdere nemmeno un centimetro esistono anche letti a castello con armadio incorporato che lasciano ai bambini più spazio per giocare e muoversi liberamente.

    nuroa-poco-spazio-stanza-bambini-letto-castello

    nuroa-poco-spazio-stanza-bambini-letto-per-tre

    Sfrutta fino all’ultimo centimetro

    Gli spazi che per gli adulti possono sembrare disordinati, sono spazi in cui i bambini giocano ed esprimono la propria creatività. Per questo motivo possiamo approfittare di ogni centimetro a disposizione per le loro necessità, per i giochi e per rendere la loro camera un luogo divertente.

    nuroa-poco-spazio-stanza-bambini

    nuroa-poco-spazio-stanza-bambini-tepee

    Mobili su misura

    Molto spesso le camere da letto dei bambini non sono pensate per avere più di un letto nella stessa stanza, quindi al momento di comprare i mobili è possibile che non ne esistano della misura di cui si ha bisogno. La cosa migliore da fare è cercare un artigiano o un’impresa che crea mobili su misura per riuscire a organizzare la stanza secondo le proprie necessità e le misure preesistenti.

    nuroa-poco-spazio-stanza-bambini-mobili-su-misura

    © Pinterest

    Save

    Save

    Save

  • Fabiasettembre 9, 2016

    5 buoni motivi per vivere a Torino

    Il capoluogo piemontese è una città vibrante e tutta da scoprire: storia, arte, cultura, musica… qualsiasi cosa si cerchi in questa città si verrà sempre accontentati. Se stai pensando di trasferirti a Torino, ecco alcuni buoni motivi per convincerti che stai facendo la scelta giusta.

    nuroa-5-buoni-motivi-per-vivere-a-torino

    1. Una città per i giovani

    Torino è stata eletta Capitale Europea dei Giovani 2010 grazie alle sue iniziative riguardanti la cultura, la mobilità internazionale, l’educazione informale e la responsabilizzazione verso le associazioni giovanili, progetti che hanno coinvolto non solo la città ma tutta la regione. Nel 2004 è stato inoltre fondato Torino Campus, che rappresenta un ulteriore elemento di sviluppo internazionale della business school. Il progetto promuove la città come luogo di formazione universitaria avanzata, e favorisce l’arrivo di studenti non residenti cercando di agevolare al meglio la loro integrazione.

    nuroa-10-buoni-motivi-per-vivere-a-torino-Campus

    2. Vita notturna e svago

    Molti quartieri della città di sera si animano e i locali restano aperti fino a tardi. Tra i luoghi più conosciuti per la vita notturna e lo svago spicca il Quadrilatero Romano, un quartiere nel centro della città vecchia, ricco di luoghi di incontro, ristoranti e gallerie d’arte. I vicini quartieri di Borgo Dora e Porta Palazzo diventano di notte un luogo di creatività e movida. Infine, anche le zone più tradizionali della città come piazza Castello, piazza San Carlo, piazza Vittorio Veneto e piazza Bodoni sono diventate bellissimi salotti pedonali dove si possono ammirare i famosi monumenti di Torino comodamente seduti nei dehors dei bar più in voga.

    nuroa-10-buoni-motivi-per-vivere-a-torino-vita-notturna

    3. Arte e cultura non mancano

    Torino presenta un patrimonio storico-artistico straordinario: dagli edifici barocchi allo stile liberty e all’eclettismo. La città vanta in totale più di 40 musei, dalle 15 Residenze Reali dichiarate Patrimonio dell’Umanità UNESCO al Museo Egizio – il più importante del mondo dopo il museo del Cairo – da Palazzo Madama al Museo del Cinema. La città offre inoltre tantissime occasioni per il confronto tra le più diverse forme di espressione artistica, dall’arte alla musica, dal cinema alla fotografia.Torino è inoltre riconosciuta come una delle capitali europee dell’arte contemporanea, grazie alle sue fondazioni e gallerie come la GAM-Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, il Museo d’Arte Contemporanea, la Fondazione Mario Merz e tanti altri.

    nuroa-10-buoni-motivi-per-vivere-a-torino-cultura

    4. La natura e il Po

    Le Alpi e le colline fanno da cornice alla città attraversata dal Po ma bagnata anche da altri fiumi: la Dora Riparia, la Stura e il Sangone. La città è provvista inoltre di 17 parchi, il più famoso dei quali è il Parco del Valentino, situato sulle rive del Po, che include un orto botanico del XVIII secolo, e un castello con il suo borgo medievale. Un’altra bellissima area verde della città è rappresentata dal  grandissimo Parco della Pellerina. Dietro il Palazzo Reale, nel centro della città, ci sono invece i Giardini Reali, progettati nel 1697 da André Le Nôtre, che progettò anche i famosissimi giardini della Reggia di Versailles.

    nuroa-10-buoni-motivi-per-vivere-a-torino-parco-valentino

    5. Il vino e la gastronomia

    Come ben si sa il capoluogo piemontese è terra di grandi vini come il Barolo, il Barbaresco, e lo Spumante. Tra i prodotti gastronomici non possono inoltre mancare il tartufo bianco e i tipici agnolotti ripieni di carne, i formaggi saporiti, e i grissini croccanti. Torino è famosa anche per le fiere gastronomiche come il Salone del Gusto e Terra Madre, incontri internazionali per la comunità della buona tavola. Torino è anche la Città di Eataly, il più grande emporio europeo di cibo e vino dedicato ai migliori prodotti italiani, in cui si possono fare acquisti ma anche godersi pasti succulenti.

    nuroa-10-buoni-motivi-per-vivere-a-torino-gastronomia

    © Pinterest, Pixabay

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save

    Save