• ViolaAugust 14, 2015

    Cohousing: un innovativo concetto di “abitare insieme”

    Sono sempre di piú le famiglie e le persone che negli ultimi anni optano per questa soluzione abitativa improntata essenzialmente sulla sostenibilitá ambientale, sociale ed economica.

    Cohousing

     

    Che cos’è il cohousing?

     
    Il cohousing, o coabitazione solidale, rappresenta un modello di vita comunitaria improntato sulla condivisione di spazi (laboratori, sale, orti, biblioteche ecc.), servizi e alcuni beni di consumo. Solitamente si tratta di complessi condominiali dalle 20 alle 40 unitá abitative, situati fuori o dentro cittá che ospitano abitanti, i cosidetti cohousers, di differenti fasce economiche ed etá.
     

    Le caratteristiche principali

     
    – Senso di comunitá: solidarietá, mutualitá e collaborazione

    – Banca del Tempo: scambio reciproco di attivitá, servizi e saperi fra persone

    – Tutela dell’ambiente (pannelli solari, raccolta differenziata, ecc.)

    – Comunitá libera da principi ideologici e religiosi

    – Partecipazione diretta degli abitanti alla progettazione del complesso abitativo

    – Paritá nelle decisioni fra i cohousers

    – Gestione e manutenzione degli spazi comuni da parte degli abitanti

    biblioteca-Cohousing

    copyright foto Pinterest

     

    Come nasce?

     
    Fondatore di tale progetto fu l’architetto danese Jan Gundman Hoyer che nel 1964 elaboró, assieme a un gruppo di amici, l’idea di una comunitá eco-sostenibile. Tale intuizione scaturí dal fatto che secondo Gundman Hoyer, nelle grandi realtá cittadine, è necessario ricreare il contesto sociale che caratterizzava il vecchio villaggio: vivere in relazione con gli altri, aiutarsi a vicenda, ecc.
     

    Esempi di cohousing in Italia

     
    Milano. L’Urban Village Bovisa è stata la prima eseprienza di cohousing italiano e risale al 2006. Si tratta di una ex-fabbrica di barattoli tipo loft, distante mezzo chilometro dal politecnico di Milano, dove ora risiedono ben 32 famiglie. La comunitá è dotata di giardino, garage e piscina con solarium.

    Ferrara. Un altro esempio di cohousing è il complesso “Solidaria” a Ferrara, ovvero una corte rurale a pochi passi dalla cittá che conta ben 18 alloggi con tanto di orto, cucina comune e molti altri spazi.

    cohousing-ferrara

    Torino: Numerozero a Torino è una palazzina ristrutturata nel quartiere di Porta Palazzo, dove sono stati ricavati otto appartamenti di varie dimensioni alternati a spazi comuni come ad esempio un grande terrazzo. All’interno della struttura si trova anche un bed & breakfast. A capo del progetto vi è l’Associazione “CoAbitare”.
     

    I vantaggi

     
    – Ecologico

    – Risparmio economico (condivisione delle spese)

    – Rilancio dell’edilizia

    – Ripopolamento delle zone abbandonate

    – Maggiore socializzazione

    – Ambiente sicuro e protetto

     

  • ViolaAugust 6, 2015

    Puoi permetterti le vacanze della Merkel, Putin o Cameron?

    Ti puoi permettere le stesse vacanze di alcuni dei principali politici europei? Per cercare di rispondere a questa domanda, Nuroa ha localizzato le destinazioni estive di alcuni dei maggiori capi di Stato assegnando il prezzo di vendita alle rispettive case o appartamenti-vacanze. Prendi nota se quest’estate vuoi imitare la Merkel, Cameron o Putin:

    Merkel-Bolzano

    1.)- Angela Merkel: la cancelliera tedesca, una delle donne più potenti al mondo, è estremamente discreta nella sua vita privata. Per questo, si sa molto poco delle sue vacanze. Lo scorso anno si era presa qualche giorno di riposo assieme al marito, Joachim Sauer, nella localitá italiana di Bolzano, situata nelle Alpi italane, vicino al confine tedesco, dove approfittava per fare trekking ed escusioni all’aria aperta. Una casa di 100 metri a Bolzano, dove il prezzo medio al metro quadrato è di 1.185 euro, secondo i dati di Nuroa, puó costare intorno ai 118.000 euro.

    Cameron-vacanze

    2.)- James Cameron: il più influente funzonario britannico non è fedele a una sola destinazione ed è solito variare le sue postazioni durante le vacanze. Cosí,l’anno passato, aveva scelto la Spagna per la settimana di Pasqua e il Portogallo per l’estate, approdando infine a Cascais. Tuttavia, Cameron aveva trascorso anche qualche giorno a Cornualles, in cui il costro un’abitazione isolata puó giungere a 200.000 sterline, stando ai dati di Nuroa.

    Hollande-versailles

    3.)- François Hollande: non sappiamo cosa fará Hollande quest’anno, poichè nel 2014 concesse solamente 15 giorni di ferie ai suoi ministri e lui stesso li passó a poca distanza dall’Eliseo. Il presidente francese infatti, aveva optato per la residenza ufficiale di La Lenterne (Versailles).

    Putin-sochi

    4.)- Vladimir Putin: anche se Vladimir Putin è solito cambiare le sue mete estive e in alcune occasioni ha trascorso qualche giorno di vacanza a Biarritz (mentre la sua ex moglie continua a farlo) è certo che nel 2012 compró una casa a Marbella. Attualmente peró, il maggiore rappresentante russo possiede la sua residenza estiva nella localitá costiera di Sochi, sulle rive del Mar Nero. Si tratta di una cittá balneare che in Russia viene considerata una delle principali mete di vacanza.

    Marian Rajoy Vacanze

    5.)- Mariano Rajoy: il presidente del governo di solito passa qualche giorno a Doñana, localitá vacanziera dei presidenti del governo fin dall’epoca di Felipe González, mentre per disconnettere da tutto preferisce rilassarsi nella sua terra natale, la Galizia. Per questo sceglie Casa de Alicia, una casa rurale a Cambados (Pontevedra). Se desideri imitare il più influente funzionario spagnolo, considera che una casa a Cambados potrebbe costare, secondo i dati di Nuroa, tra gli 80.000 e i 150.000 euro in base all’ubicazione, la superficie e lo stato di conservazione.

  • ViolaJuly 24, 2015

    7 piscine originali per la tua nuova casa

    Siamo in piena estate e un’ondata di caldo ha invaso il nostro Paese. Se quest’anno stai cambiando casa e le spese non ti permettono di andare in vacanza al mare, abbiamo qui per te 7 rinfrescanti e creativi esempi di piscine che potrai scegliere per la tua nuova dimora.

    Una piscina immersa nella natura.

    piscina-naturale

    Se la tua intenzione è abitare lontano dalla frenesia cittadina e desideri uno spazio verde tutto per te, perchè non godertelo al meglio con una bella piscina a stretto contatto con la natura?

    Un tuffo nel patio.

    piscina-patio

    Problemi di spazio? Questo non ti impedirá di creare una piscina su misura per la tua casa. Patii e piccoli cortili interni hanno angoli nascosti da trasformare.

    Cambio di prospettiva.

    piscina-design

    Per provare l’ebrezza di nuotare da una prospettiva diversa, ecco un’innovativa idea di design per una piscina sopraelevata.

    Una piscina panoramica.

    piscina-panoramica

    Sfruttare al meglio le potenzialitá e la posizione della nostra casa a volte regala sorprese. Come questa incredibile piscina con vista, da cui si puó ammirare il paesaggio mentre ci rinfreschiamo.

    Una cena per due.

    cena-piscina

     

    Volete portare il vostro partner in un ristorante esclusivo? Meglio della vostra stessa piscina non ne troverete.

    Cinema in casa!

    cinema-piscina

    Preparate i popcorn e sarete pronti per godervi i vostri film preferiti direttamente dal bordo piscina.

    Una spiaggia dietro l’angolo.

    spiaggia-piscina

    Desideri il mare a portata di mano? Questa piscina con superfici in sabbia ti cambierá la vita.

    Ed ora a te la scelta, in quale di queste meravigliose piscine ti piacerebbe fare un bagno?

     

     

    Copyright Foto Pinterest

     

  • ViolaJuly 20, 2015

    Come adattare la casa per il tuo animale domestico

    divano cane

    Spesso e volentieri i nostri amici a quattro zampe sono membri ufficiali della famiglia. Tante sono le persone che vivono in affitto e possiedono un animale domestico. Perchè allora non dargli il posto che si meritano nella nostra abitazione? Abbiamo raccolto per voi qualche idea per trasformare la casa in un luogo ideale per il vostro animale da compagnia.

    Una seggiola per due

    Rilassarsi in terrazza su questa seggiola ideata per essere condivisa con il tuo amico a quattro zampe. Un modo per non farsi vedere, ma vedere tutto.

    poltrona cane

    Una zona relax

    Cosa c’è di meglio di creare un angolo dove riporre gli oggetti del tuo animale domestico e dove allo stesso tempo puó riposare? Toni allegri, tutto in ordine, una stanza privilegiata in casa.

    zona relax cane

    Un’amaca con vista

    Si dice che i gatti dormano in qualsiasi posto. Questa invenzione conferma il detto! Una comoda amaca da cui potranno contemplare gli uccellini che passano o semplicemente godersi un riposino.

    La casa, il luogo dove giocare

    Ideare complementi d’arredo e allo stesso tempo pensare al tuo amico peloso. Gli piacerá ammirare le stanze dall’alto, gironzolare e osservare il ritmo famigliare.

    scaffale gatto

    Un’entrata VIP

    Abbiamo subito adorato questa idea. Un’entrata di casa esclusiva, da VIP. Il tuo cane se lo merita.

    entrata cane

    Si nasconde e ti sorprende.

    I gatti impazziscono per angoli, altezze e nascondigli. Questa struttura sará perfetta!

    mobili per gatti

    La cucina è il cuore della casa.

    Dove trascorrono la maggior parte del tempo gli animali domestici? Naturalmente in cucina! Controllano le nostre mosse, cercano cibo oppure si rilassano. Questa idea si integra perfettamente nel design della cucina, lasciando tutto pulito e sistemato. Il tuo amico a quattro zampe avrá cosí il SUO posto personale in cucina.

    cucina cani

    E tu? Come hai organizzato la casa per il tuo animale da compagnia?

  • ViolaJuly 10, 2015

    Pallet: 7 idee creative per arredare il giardino

    L’estate è arrivata e quale modo migliore per arredare il tuo giardino se non i pallet.
    I pallet, comunemente chiamati anche bancali, risultano fra gli elementi piú utilizzati per la decorazione ‘fai da te’ di una casa, tanto per gli spazi interni che esterni.

    bancali colorati

    I vantaggi?

    I bancali infatti non sono altro che piattaforme in legno adoperate dalle aziende per il trasporto merci, per questo è facile reperirli gratuitamente in zone industrali e supermercati.

    -Una forma originale di arredare. Grazie alla loro semplicitá e resistenza, i pallet possono essere lavorati, assumere varie forme e colori a seconda dei gusti, divenendo complementi utili e creativi per la propria abitazione.

    Riciclare. Anche se forse non ci facciamo caso, quando recuperiamo bancali ammassati fuori dai magazzini stiamo compiendo un’ azione di riciclaggio, riutilizzando oggetti che altrimenti verrebbero smantellati e il cui potenziale verrebbe sprecato. In questo modo ce ne guadagna l’ambiente ma anche le nostre finanze.

    Ecco qui 7 creazioni innovative per vivere al meglio il vostro giardino durante l’estate.

    1. Zona relax composta da divani e piccolo tavolo: ideale per rilassarsi e prendere un caffè mentre si è circondati dal verde.

    divani pallet

    2. Mensola: un modo elegante per mostrare le nostre piante e fiori preferiti.

    mensola pallet

     

    3. Doccia esterna: farsi la doccia all’aria aperta è un lusso che possiamo permetterci solo  d’estate, dunque approfittiamone.

    doccia pallet

     

    4. Cuccia per cani: anche i nostri amici a quattro zampe si meritano il comfort piú totale.

     

    cuccia pallet

     

    5. Piscina: per potersi rinfrescare da casa ogni volta che lo si desidera durante le calde giornate estive.

    piscina pallet

    6. Dondolo: ideale per cullarsi all’ombra di un albero e immergersi nelle letture piú appassionate.

    dondolo pallet

    7. Lampada: per creare un’atmosfera unica quando scende la sera.

    lampada pallet

     

    Ed ora a voi la scelta per rendere il giardino di casa un luogo davvero speciale.

    Copyright foto Pinterest

     

     

  • ViolaJuly 3, 2015

    ABITAZIONI ORIGINALI: FARI IN VENDITA IN ITALIA

    Un faro in fin dei conti è una casa normale, con la differenza che le scale invece di condurre al piano di sopra, portano alla ‘torre di controllo’ affacciata direttamente sul mare.  Comprare una dimora cosí originale è un sogno che in Italia è divenuto realtá.

    faro punta imperatore

    (Faro di Punta Imperatore – Ischia)

    Quest’anno l’Agenzia del Demanio, in collaborazione con il Ministero della Difesa ed altri Enti territoriali, ha concesso la vendita a privati di ben 11 fari di proprietá statale ed ubicati in suggestive localitá del Bel Paese.

    fari-vendita-italia

    Tale iniziativa rientra nel “Progetto Fari” volto a recuperare e valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico italiano. Gli immobili possono essere recuperati e riutilizzati tanto per fini turistico-ricettivi quanto personali poiché lo scopo è incentivare lo sviluppo territoriale.

    faro san domino

    (Faro di San Domino – Isole Tremiti)

    Sempre con questo intento sono disponibili sul mercato nazionale altri edifici particolari quali castelli, chiese sconsacrate, ex fabbriche e scuole, sottratti al degrado e pronti per essere trasformati in abitazioni o locali.
    Riportando le parole di Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari istituto di studi e di ricerche del settore: “si può dire che nelle città e nei luoghi in cui c’è un mercato immobiliare fiorente stanno riprendendo valore beni che prima non ne avevano”.

     

  • ViolaJune 26, 2015

    Comprare casa a 1 euro? In Italia è possibile!

    Si tratta di un’impresa innovativa per il mercato immobiliare poichè permette di comprare immobili al prezzo simbolico di un euro a cambio di farsi carico delle spese di ristrutturazione. Sono case vecchie e pericolanti di proprietá di privati che desiderano liberarsene per via dei costi elevati di manutenzione. In tutto ció il ruolo del Comune è semplicemente quello di attuare da intermediario tra l’interessato e il venditore. È una strategia volta a rivitalizzare l’economia regionale del settore ma che soprattutto va incontro ai giovani, o in generale alle persone, in cerca di una casa, che peró non possono sostenere i prezzi “normali” offerti sul mercato. Prima di procedere con l’acquisto è importante far valutare a quanto ammontano gli oneri per gli interventi edilizi, anche se in alcuni casi grazie a certi fondi italiani europei, sono previste forme di finanziamento in grado di ammortizzarli.

    Salemi_panorama

    Uno dei fini più importanti per cui è nata questa iniziativa è quello di contrastare l’abbandono di alcuni centri storici cittadini e per rilanciare zone in difficoltá abbattute da catastrofi naturali o semplicemente degradate. I comuni italiani giá coinvolti nel progetto sono quelli di Salemi (Trapani), Gangi (Palermo) e Carrega Ligure (Alessandria). Le norme per l’acquisto di tali immobili, variano da comune a comune, anche se i requisiti principali sono grosso modo i seguenti. L’acquirente ha tempo un anno per presentare il piano di ristrutturazione e una volta approvato è tenuto ad iniziare i lavori entro due mesi. Inoltre è solitamente richiesta la stipula di una polizza fideiussoria, dell’importo di 5 mila euro e di una durata di tre anni,  per garantire la sicurezza dell’acquisto. La residenza italiana non è un requisito obbligatorio.

    gangi-italia

    Negli ultimi anni questa iniziativa immobiliare ha visto protagoniste anche la cittá di Cagliari e la localitá abruzzese di Lecce nei Marsi, fino a spingersi a Stoke-On-Trent, in Gran Bretagna, dove 35 case abbandonate hanno avuto più di 600 richieste.

    Lecce nei Marsi

  • ViolaJune 22, 2015

    Vivere nell’appartamento di Friends o Sex and the City

    Vivere le serie TV come se ci fossimo dentro, è uno dei sogni di tanti fan. Vi immaginate come sono le case degli eroi delle serie o dei film? Vedere le residenze di questi personaggi come luoghi reali e non come set di ripresa? Poco fa è stata aperto una versione del café Central Perk di “Friends”, vogliamo rivivere le serie che adoriamo?     

    A quanto pare, sí. Iñaki Aliste Lizarralde, designer di interni, ha deciso di ricreare l’appartamento della sua serie preferita “Frasier”. E cosí con il passaparola, una richiesta di un amico dopo l’altra, si è creato questo business che condivide con gli appassionati delle serie piú note. Su Etsy, fra le 20 piante che ha disegnato, puoi richiedere quella della tua serie o film preferiti.

    primo piano Iñaki aliste

    In una intervista per Archdaily, Iñaki spiega che per serie come Sex and the City è più facile ricreare la pianta, poiché vengono girate come un film (senza spettatori e senza set di riprese con spazi divisi). Una fan della serie che ha ordinato la pianta dell’appartamento di Carrie Bradshaw , ha riferito ad Iñaki che le sembra di effettuare una visita virtuale nella casa.

    Carrie Bradshaw_pianta_iñaki Aliste

    Iñaki Aliste Lizarralde necessita in totale da 30 a 40 ore per completare la pianta di un’abitazione, definendo misure, proporzioni, mobili, etc. Tutte le piante che offre sul suo negozio etsy, sono fatte a mano e ci vogliono dalle 15 alle 20 ore per ricreare una copia del modello originale.

    Friends Pianta_iñaki Aliste

    Per conoscere gli ultimi lavori, non perderti la sua pagina Facebook.

    Quale serie o film proporresti Iñaki per crearne la pianta?

    Fotos © Iñaki Aliste Lizarralde
  • AntonioSeptember 27, 2014

    Le dieci truffe immobiliari più comuni segnalate dal motore di ricerca Nuroa

    Truffe immobiliari

    Immobili da sogno a prezzi ridicoli, investitori stranieri che chiedono di pagare solo con banconote da 500 euro, finte principesse di Paesi lontani in cercadi case estive. Sono solo alcune delle truffe che ogni anno colpiscono decine di persone, anche in Italia. Sul motore di ricerca Nuroa.it abbiamo raccolto alcune testimonianze delle truffe più frequenti:

    1) Rip Deal: i truffatori cercano annunci di vendita di immobili e contattano per email privati o agenzie. Si presentano come investitori internazionali e simulano di avere una grande disponibilità economica.
    Così chiedono di incontrarsi in luoghi come hotel di lusso o ristoranti alla moda. Durante questi incontri affermano di poter pagare solo con banconote da 500 euro, ma propongono al venditore di cambiare questi soldi con contanti di minore entità, offrendo loro una commissione che può arrivare al 20%. E’ durante quest’operazione che si mette in atto la truffa: lo scambio di valigette avviene in un luogo pubblico, senza che la vittima possa verificare in maniera esaustiva l’autenticità del denaro, e i truffatori collocano solo poche banconote vere tra quelle da 500 euro.

    2) La principessa del Burkina Faso: una presunta principessa del Burkina Faso, in esilio in Olanda, contatta via email dei privati o delle agenzie immobiliari, interessandosi a una casa per passare le vacanze in Italia. Si rende disponibile per comprare una villa (senza vederla di persona e senza discutere del prezzo) e dice che pagherà con un trasferimento bancario, chiedendo intanto al venditore di anticipare il versamento delle tasse e delle imposte. Si tratta di soldi che quest’ultimo non recupererà più.

    3) Il soldato americano: è un metodo truffaldino simile a quello precedente, solo che in questo caso il venditore viene contattato da un ipotetico soldato della guerra in Iraq, che ha partecipato allo smantellamento di una cellula terrorista, restando con i soldi della stessa (vari milioni di dollari). Dice di voler comprare una casa e chiede un piccolo anticipo per le prime incombenze burocratiche,
    mentre si preoccupa di effettuare il trasferimento internazionale dei soldi.

    4) Pagamento in anticipo: una persona si mette in contatto con il proprietario di una casa e decide di affittarla. Dice di farlo a nome di un familiare e di avere fretta per chiudere il contratto. Così procede al trasferimento in denaro ma, con la scusa che l’operazione ha bisogno di diversi giorni per apparire nel conto del destinatario, invia una ricevuta della banca via fax. Il proprietario si accorge che la quantità inviata è superiore a quella pattuita. Così, quando questi gli riferisce che ha pagato più del dovuto, il truffatore chiede di restituirgli la differenza attraverso un’agenzia di trasfer di denaro. Questa è la quantità che il proprietario perde, dal momento che non esiste nessun trasferimento bancario a un valore superiore rispetto a quello concordato, e la ricevuta dellabanca è ovviamnete falsa.

    5) Consegna di chiavi attraverso un corriere: questa truffa non colpisce i proprietari, ma persone interessate ad affittare un immobile. Si tratta di annunci-gancio (con prezzi molto più bassi di quelli normali nella zona o per abitazioni con le stesse caratteristiche) di case che appartengono a un proprietario che ha molta fretta di affittare, dal momento che è dovuto andarsene in maniera precipitosa all’estero. Per questo, il proprietario si offre per inviare le chiavi e il contratto attraverso dei corrieri di sua fiducia, i quali chiedano al truffato la consegna dell’importo dell’affitto (intorno ai 600 euro). Ma le chiavi che riceve non aprono affatto la porta della casa.

    6) Case da sogno a prezzi ridicoli: alcune pagine su internet o annunci nei quotidiani offrono case a prezzi molto più bassi del loro valore sul mercato. Di solito sono tranelli per attirare clienti o vere e proprie truffe.

    7) Perdere l’appartamento ma continuare a dover pagare il mutuo: di solito colpisce persone che hanno difficoltà a pagare il mutuo. Un presunto agente immobiliare si offre per comprare la casa dei malcapitati, però assicura che continuerà a lasciarli vivere in affitto al suo interno. I truffati firmano la cessione della proprietà e del mutuo. Ciò nonostante, esiste una clausola che specifica che quest’ultimo passaggio avverrà solo se la banca lo riterrà possibile. Se la banca nega le richieste, perdono la loro casa, conservando però la pendenza del mutuo.

    8) Appartamenti che non corrispondono alla foto: anche se non è una vera e propria truffa, in alcune occasioni si pubblicano annunci di appartamenti che “adornano”la realtà. Quando l’interessato li visita, o non sono nello stesso stato in cui erano descritti o fotografati, o non si trovano abbastanza vicini alla metro come avevano detto.

    9) Pagamento con baratto: era piuttosto comune negli anni del boom della costruzione. Il proprietario di un terreno su cui era prevista la costruzione di palazzi residenziali si aggiudicava alcuni appartamenti in cambio della vendita dell’intero terreno. Nonostante ciò, le occasioni non sempre andavano a buon fine e, in molti casi, i proprietari rimanevano senza appartamenti (perché questi non venivano portati a termine o rimanevano di proprietà delle banche) e senza terreno.
    10) Lista di appartamenti: alcune agenzie si offrono per fornire ai loro clienti – previo pagamento – liste di appartamenti, affermando che si tratta di informazioni molto più affidabili di quelle che si possono trovare su internet o sui giornali. Quando il cliente vuole visitare gli immobili, questi annunci risultano falsi o le case già affittate o vendute.

    Come si possono prevenire questi inganni?
    Per non finire vittime di truffe, la polizia consiglia una serie di misure, come non fidarsi degli annunci a prezzi troppo bassi rispetto ai valori di mercato, o consultare solo pagine web di massima affidabilità.
    Inoltre, in caso di contrattazione tra privati, si consiglia di verificare sempre l’esistenza dell’immobile (chiedere, per esempio, una copia dei documenti o una ricevuta della tassa sulla casa), oltre a utilizzare un metodo di pagamento sicuro e a chiedere la stipula di un contratto privato, che renda valida l’operazione sulla carta.

     

     

  • AntonioSeptember 16, 2014

    Università, studenti spendono metà del budget mensile per la casa in affitto

    Secondo un’indagine di Nuroa.it, a Roma l’affitto di una stanza in un appartamento costa a uno studente il 49,7% delle spese complessive in un mese. Ai 420 euro in media per l’alloggio, infatti, si devono aggiungere altri 425 euro per le spese di cibo e di varie utilità per la casa, per gli aperitivi e le uscite serali, per i mezzi di trasporto e, infine, per le spese culturali come cinema e libri. La spesa media totale mensile di uno studente, dunque, è di 845 euro.
    Anche nelle altre principali città universitarie italiane, la cifra spesa da uno studente per l’affitto si avvicina o addirittura supera il 50% delle uscite mensili complessive. E’ il caso di Milano, dove una stanza singola costa 480 euro a fronte di una spesa totale media di 932 euro (pari al 50,4%). Ecco un grafico riassuntivo della situazione degli affitti per studenti nelle principali città universitarie italiane.

    infografica affitti per studenti nelle città italiane